Strumenti di pagamento

LinkedIn
Facebook
Twitter

L’art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231, e successive modificazioni, dispone quanto segue:

  • E’ vietato il trasferimento di denaro contante o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, siano esse persone fisiche o giuridiche, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore a 3.000,00 euro. Il trasferimento può tuttavia essere eseguito per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste Italiane S.p.A.
  • I moduli di assegni bancari e postali sono rilasciati dalle banche e da Poste Italiane S.p.A. muniti della clausola di non trasferibilità. Il cliente può richiedere, per iscritto, il rilascio di moduli di assegni bancari e postali in forma libera.
  • Gli assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a 1.000,00 euro devono recare l’indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità.
  • Gli assegni bancari e postali emessi all’ordine del traente possono essere girati unicamente per l’incasso a una banca o a Poste Italiane S.p.A.
  • Gli assegni circolari, vaglia postali e cambiari sono emessi con l’indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità.
  • Il rilascio di assegni circolari, vaglia postali e cambiari di importo inferiore a 1.000,00 euro può essere richiesto, per iscritto, dal cliente senza la clausola di non trasferibilità.
  • Per ciascun modulo di assegno bancario o postale richiesto in forma libera ovvero per ciascun assegno circolare o vaglia postale o cambiario rilasciato in forma libera è dovuta dal richiedente, a titolo di imposta di bollo, la somma di 1,50 euro.
  • E’ ammessa esclusivamente l’emissione di libretti di deposito, bancari o postali, nominativi ed è vietato il trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore in essere alla data di entrata in vigore della norma.
  • I libretti di deposito, bancari o postali, al portatore esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, sono estinti dal portatore entro il 31 dicembre 2018.

Tali disposizioni sono entrate in vigore il 4 luglio 2017.

L’art. 50 del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 dispone quanto segue:

  • L’apertura in qualunque forma di conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia e’ vietata.
  • L’utilizzo in qualunque forma di conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia aperti presso Stati esteri e’ vietata.

Tali disposizioni sono entrate in vigore il 29 dicembre 2007.

Altro da leggere

Survey imprese 2023

Le imprese scelgono Banca di Asti per affidabilità, competenza e cortesia del personale Il risultato della survey inviata a oltre 38.000 aziende Tra ottobre e

serve aiuto?

Titolari BancaSemplice Home e Info

Puoi parlare con noi al 800 235 270 e se sei all’estero allo +39 0521 19 22 203

Titolari BancaSemplice Corporate

Puoi parlare con noi al 800 703 558 e se sei all’estero allo +39 0521 19 22 189